11 settembre 2013
La rete della innovazione
11 settembre 2013
Il sistema della ricerca piacentino ha vissuto negli ultimi anni una fase di grande sviluppo, grazie agli investimenti, alle iniziative pubbliche e pubblico-privato a sostegno del sistema nel suo complesso.

E’ una filiera articolata, costituita da 31 centri di ricerca, connessi attraverso consolidate reti internazionali ai 5 continenti: 15 fanno capo al sistema universitario, 16 sono laboratori pubblici o pubblico-privati, nati da spin-off universitari, fondazioni e consorzi partecipati dalle università o laboratori privati accreditati dal MIUR.
Di rilevanza nazionale il Tecnopolo, che coordina le strategie di riposizionamento del manifatturiero strumentale italiano.

I settori a maggior intensità di R&S e con risorse interne dedicate a tale attività, sono quelli tradizionalmente forti dell’economia locale: la meccanica, l’energia e l’agroalimentare. Le presenze di ricercatori, accanto al crescente numero di studenti dall’estero, contribuisce a far diventare Piacenza una città che punta sulla R&S come settore di espansione: una “smart city” con un’alta qualità della vita per una nuova classe di popolazione da trattenere, attrarre e motivare.


Fonti
ITL – Piacenza Territorio Snodo (2011)